Nella cura del vigneto tutti gli interventi devono concentrarsi su un obiettivo ben preciso: ottenere uve di alta qualità. A questo rigoroso principio da sempre si ispira il viticoltore del maso Unterganzner che, a dispetto dei più moderni sviluppi della tecnica, porta avanti con costanza la tradizionale “coltura a pergola”. Questo sistema di coltivazione viene tuttavia modificato in modo che, con un alto numero di viti per ettaro ed una limitazione mirata delle rese, venga garantito un alto livello qualitativo delle uve. Questo traguardo si persegue mediante un’accurata scelta dei vitigni, l’acquisizione di nuove cognizioni specifiche per la regolazione della resa e con interventi di coltivazione in piena armonia con l’ambiente e la natura.
Consapevolmente si rinuncia quindi all’utilizzo di concimi chimici e di erbicidi. Per mantenere elevata l’età delle vigne non si procede a espianti totali, ma solamente ad una rigenerazione parziale con nuove viti. Al Lagrein – il più importante vitigno del maso – viene riservata particolare attenzione. Decenni di accorta opera di  selezione hanno favorito la crescita di viti dalle quali si raccolgono uve di qualità eccellente.